Home > Italia > Monti principali > Cervino
Condividi su
Il Cervino di notte   Con i suoi 4.478 metri il Cervino (Matterhorn in tedesco) è la terza montagna più alta d'Italia; si trova nella zona occidentale dell'arco alpino, più precisamente nella sezione delle Alpi Pennine, che comprendono anche il Monte Rosa, situato una quindicina di chilometri ad est.

   Il Cervino è probabilmente la montagna più riconoscibile delle Alpi, sia per la sua forma piramidale molto delineata, che lo ha reso una delle vette più ricercate dagli alpinisti, sia perchè è isolato rispetto ai monti circostanti, facendolo risaltare quindi nel panorama che si può ammirare dalle località nei suoi dintorni.

   La cima del Cervino si trova sul confine fra Italia e Svizzera, rispettivamente fra Val d'Aosta e Canton Vallese, nei comuni di Valtournenche e Zermatt; il nome ha due origini differenti in italiano e tedesco, se nella nostra lingua si traduce in 'monte boscoso' (dal latino Mons silvanus, che a sua volta deriva dal toponimo francese Cervin), in tedesco invece il suo nome tradotto è 'corno dei prati'.

   Data la forma della montagna, il Cervino presenta quattro pareti principali, quella nord è rivolta verso Zermatt, quella sud verso la località di Breuil-Cervinia, la vetta è costituita da due cime distinte; a differenza di altre cime alpine, ci vollero diversi tentativi falliti e qualche anno in più prima che la sua vetta venisse conquistata, questo avvenne nel 1865 da parte di una spedizione britannica, che effettuò la scalata dal versante svizzero e che battè di pochissimo un team italiano impegnato nella medesima impresa in quei giorni; le pareti nord ed ovest furono scalate con successo soltanto nel 1931 e nel 1962, sono comunque centinaia gli alpinisti morti sul Cervino, molti anche recentemente.

   Per gli amanti degli sport invernali è possibile usufruire di ben 360 chilometri di piste, grazie al comprensorio sciistico Zermatt-Matterhorn e Breuil-Cervinia, tramite il quale ci si può liberamente spostare sui versanti svizzero ed italiano del massiccio montuoso, arrivando anche ad un'altitudine massima di poco inferiore ai 4.000 metri, con alcune piste aperte anche in estate, sul ghiacciaio del Teodulo; non è da meno lo spettacolo di cui si può godere in estate, con centinaia di sentieri e la presenza di numerosi laghetti alpini, ai margini dei quali è possibile scattare qualche fotografia, col riflesso del Cervino immortalato nelle fresche e limpide acque lacustri.